2002_ Portopalo, Kassel.

di nucciofoti

«Non un singolo, non l’equipaggio di una barca, ma un’intera comunità ha stretto un tacito accordo per ignorare quei cadaveri naufragati. Non devono aver fatto così anche i contadini che, vedendo passare i treni per Treblinka o per Auschwitz continuavano a fare tranquillamente il loro lavoro, quando non si fermavano a fare cenni derisori che alludevano alla prossima eliminazione del carico dei convogli? Non mangiate pesce di Portopalo perché si ciba di carne umana!» (da CNN Italia: Le prove del naufragio)

Seminario Documenta XI, 13 settembre 2002. Relatori: Stefano Boeri, Carmelo Causale, Anna Detheridge, Sarat Maharaj, Yehuda Safran.

È stata l’urgenza dettata da una sincera polemica a far sì che il fisico siciliano Gaetano Foti partecipasse ad una tavola rotonda, organizzata dalla Documenta XI di Kassel, incentrata su alcuni drammatici fatti avvenuti a Portopalo, il villaggio di pescatori siciliani più a sud di Tunisi. Da quel momento in poi, un’autentica passione per l’arte contemporanea ha spinto Gaetano Foti a costruire un originale rapporto tra scienza e R&D ed il mondo della formazione e della cultura visiva.

Il prof. Foti insieme al critico d’arte Yehuda Safran e l’architetto Stefano Boeri alla Documenta 11 di Kassel (Germania).
Annunci